mercoledì, novembre 14, 2007

La grolla

Dato che nessuno pare conoscerla (a parte la mia famiglia), signori e signore ecco a voi "Beba che beve dalla grolla".


La foto è in controluce, il fotografo oramai era ubriaco mi sa...a Natale e alla sagra (occasioni in cui a casa si fa la grolla anzi, le grolle, perchè una non basta mai) le foto sono sempre sfocatissime e il motivo è sempre lo stesso e si chiama grappa :-))

Dunque la grolla per essere precisi è il contenitore di legno, intagliato a mano (da cui io sto bevendo nella foto ndr), in cui si prepara il caffè valdostano, che è così composto:

-caffè
-zucchero
-spezie varie (miscela dello zio Pietro, che prepara i sacchettini anche quando la voglio fare per i miei ospiti)
-gherigli di noce
-pezzetto di mela
-pezzetto di buccia d'arancia
-grappa (di quella buona)

Si prepara il caffè valdostano direttamente nella grolla e poi si beve a turno dalle diverse bocchette che sono zuccherate (buonissimoooooooo).

Il legno di cui è composta la grolla si aromatizza sempre di + man mano che si usa e quindi il caffè diventa sempre + buono ( io e lo zio Pietro siamo altruisti e ci sacrifichiamo per il bene dei posteri, che troveranno la nostra grolla moooooolto ben aromatizzata).
Immagino che molti di voi si stiano chiedendo se siamo valdostani...ehm, no, siamo codognesi, ma gli zii andavano spessissimo in vacanza in Valle D'Aosta 'da giovani' e quindi hanno portato in famiglia questa tradizione (che io ci tengo a perpetrare) e ogni occasione (rigorosamente invernale/autunnale...anche se quando a Pasqua fa freschino una grolla ci sta proprio bene) è buona per prepararla :-)

Quindi se volete passare a trovarmi, fatelo nei mesi da ottobre a marzo, così ci beviamo una grolla insieme :-))

13 commenti:

Nadia ha detto...

buonissima la grolla... soprattutto se bevuta in compagnia!!!!

Gorgoglio ha detto...

Si usa anche da noi, ma io non amo la grappa quindi di solito mi astengo :)

Paola ha detto...

Bene a sapersi, nel caso devo portarmi l'autista!!!!!

Luciana ha detto...

Uaoooooooo!!! Me l'hai fatta ricordare!!! Sono anni che ce l'ho ma era caduta nel dimenticatoio....ora devo ritirarla fuori... con il freddo va benissimo!!!

BONINO FULVIA ha detto...

o bella questa cosa della grolla però io non bevo caffè, mi evi fare qualcos'altro..... bella la tradizione

Luisa ha detto...

bella la tradizione, io non bevo superalcolici però .. mi piacerebbe assaggiarne magari un sorso!
Lo zio Pietro non potebbe rivelarci qualche piccolo segreto? :-)

beba ha detto...

@Luisa: vedrò cosa posso fare ;-)

** ladyscrap ** ha detto...

mhmmm buono il cafè valdostano..anch'io ho la grolla, quella piccola a 4 beccucci ma ancora quest'anno non l'ho usata...mi sa che è ora di cominciare..mi hai fatto venire una vogliaaaaaaaa

Anna Maria

ellee ha detto...

Io! Io conosco la grolla!!! Mia madre e mio padre sono fissati con 'sta cosa... ma secondo me la usano solo cose scusa per prendersi delle divertentissime ciucche... hihihihi ^-^

Marevan ha detto...

LA grolla !!!!!!!! Me ne ero dimenticata !! Bella idea da fare anche a capodanno !!

beba ha detto...

I LOVE GROLLA!!!

danny* ha detto...

Come non la conosce nessuno!!??? E' al pari delle "svizzere"???? eh..eh..eh... ;opppp
Cmq è famosa anche qua...c'è un locale dalle parti di Luino (se non ricordo male)che le fà.....unico problema....la discesa con tutte quelle curve!!!
ciaoooo

DIAMIR COMPANY ha detto...

Ciao Beba e a tutti nel forum, porterò le grolle al mio locale saranno parte del menu. Vorrei solo sapere da qualche ristoratore che le propone che accorgimenti usa sia per preparare la grolla prima del contenuto che per l uso in ambito pubblico.
Di sicuro un uso con i clienti è diverso da quello casalingo anche dal punto di vista igenico.Chi ha info ne sarei lieto
grazie a tutti
PJ

mail stefano@buzzelli.net

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...